Skip to content


Il massacro delle morti bianche continua

 


Uno degli ultimi “omicidi bianchi” sul lavoro è avvenuto a Milano martedì 10 novembre, alle ore 12. La vittima lavorava in una impresa di subappalto che operava nello stabile di via Pisani, che dà sulla piazza della Stazione Centrale, a due passi dalla sede Regionale (organo da cui dipende il sistema di controlli ispettivi dell’ASL),  

mentre si stava svolgendo il Consiglio Regionale che, avvisato, ha preferito non sospendere la seduta. More…Il lavoratore ucciso si chiamava Youssef Ahmed Ihab Fouad, 39 anni, egiziano “senza permesso” che lavorava in nero, in Italia già da due anni. E’ stato schiacciato dal crollo di un muro interno che stava demolendo, al decimo piano.A recarsi sul posto tra i primi sono stati i manifestanti dei sindacati di base, CUB e Slai Cobas, che per l’occasione stavano protestando contro la Regione Lombardia, che non mantiene l’impegno preso di garantire l’insediamento occupazionale ai lavoratori dell’Alfa di Arese. I diversi partecipanti alla mobilitazione dei sindacati di base, arrivando sul posto della “disgrazia”, assistevano alla scena allucinante di immigranti in fuga da quel luogo di lavoro per non essere identificati nella loro condizione di “irregolarità” e di lavoro nero.
Questi sono gli “schiavi clandestini” della nostra civiltà, sovente additati dai mezzi di informazione e da una “sporca politica” come delinquenti e, se fermati, rinchiusi nei lager dei CIE, senza diritti, trattati al pari di bestie pericolose.Sono uomini e donne che, ricattati dalle condizioni particolari in cui si trovano, sono supersfruttati con paghe anche di3 euro all’ora e con zero sicurezza nel lavoro. Poi questi sono i risultati.
Il famigerato committente della ristrutturazione in questione è la società immobiliare delle Generali, quotata in Borsa, non certo una piccola azienda. L’appalto, vinto da una Srl di Avigliana, ha stipulato, come è consuetudine, decine di subappalti, spesso scollegati tra loro, come in una “torre di babele”.La conseguenza di queste politiche le riscontriamo nei dati che in Lombardia dall’inizio dell’anno sono stati registrati: 180 morti sul lavoro (lo scorso anno 200). Dei 70 mila lavoratori “ufficiali” dell’edilizia a Milano (si calcola almeno il doppio reali) il 43,6% sono stranieri. Se si continua con questo trend, figuriamoci quale saranno le conseguenze di quando l’attività per l’Expo sarà a pieno regime.
Queste “morti bianche”, che spesso hanno il colore della pelle scura, vanno subito fermate, impedendo a negrieri senza scrupoli di lucrare con metodi di bestiale sfruttamento grazie alle protezioni istituzionali.

La Commissione Lavoro della Federazione Anarchica Milanese

Posted in Mondo del Lavoro.