Skip to content


1969-2019: Cinquant’anni di Piazza Fontana

Posted in Comunicati.


SOLIDALI, FRUGALI, ANTICLERICALI… ANARCOPRANZO DI AUTOFINANZIAMENTO

Posted in Ateneo Libertario.


Perché la Storia la puoi rivendicare se ne fai parte, dalle strade alle piazze e non dalle tastiere di un computer…

Come compagne e compagni militanti nella Federazione Anarchica di Milano (F.A.I.) abbiamo sempre rivendicato che il valore dell’azione rivoluzionaria è, e deve essere, prassi quotidiana. Prassi che si esplicita nel “qui e ora” dei conflitti sociali, nelle dinamiche che si danno all’interno degli scontri di classe. Abbiamo sempre contrastato chi, dei vari accadimenti storici, ne ha creato o feticci identitari ormai avulsi dai contesti sociali odierni o chi ne ha creato una sorta di orpello museale atto solo a una riscrittura storica tesa ad espellere le originarie motivazioni rivoluzionarie che ne diedero vita. Con altrettanta determinazione però rivendichiamo la nostra soggettività nel prendere parola lì dove il nostro agire storico è stato determinante. Non deleghiamo a nessuno l’esclusività delle narrazioni atte a stabilire verità e memorie condivise o meno.

Nella città di Milano, dove da decenni siamo parte importante e significativa del movimento anarchico organizzato, oggi siamo direttamente impegnate e impegnati nelle varie iniziative e ricorrenze relative al 50° anniversario della strage di piazza Fontana.

Alcune e alcuni di noi hanno vissuto direttamente quei tragici giorni, e chi di noi si è aggiunto in seguito, con determinazione ha sempre rivendicato l’estraneità del movimento anarchico e altresì ribadito che la responsabilità dell’eccidio stragista era da addebitarsi allo Stato nelle sue articolazioni politiche, militari, poliziesche e giudiziarie.

Per noi l’affermazione “Piazza Fontana strage di Stato! Valpreda innocente! Pinelli assassinato!” non è mai stato solo uno slogan da corteo, ma l’estrema sintesi di una verità incontrovertibile e immune da ogni tentativo di revisionismo storico-giudiziario.

Ed è con questa nostra verità e memoria storica che abbiamo deciso di dare avvio, nei mesi di novembre e dicembre, ad una serie di iniziative atte alla sua riaffermazione.

Il 30 novembre, insieme ad altre realtà anarchiche e libertarie milanesi, abbiamo organizzato un convegno di studio, analisi e dibattito che ci auguriamo non sia solo momento di presa di coscienza storica ma che sia anche in grado di fornire nuovi e ulteriori stimoli generatori di conflitto.

Ed è su medesimi presupposti che daremo vita, nella serata del 14 dicembre, alla nostra ricorrente presenza per le strade del quartiere milanese dove il compagno Pinelli risiedeva fino alla tragica notte del 15 dicembre 1969 che lo vide assassinato innocente nei locali della Questura di Milano.

Il 12 dicembre, nel tardo pomeriggio, insieme ad un vasto cartello di sigle dell’eterogeneo movimento antagonista milanese, saremo presenti in un corteo cittadino che, attraversando le vie del centro città, terminerà in piazza Fontana.

A questa iniziativa vi aderiamo forti della nostra autonomia di analisi e azione politica, forti della nostra coerenza anarchica e libertaria misurabile e verificabile sul terreno concreto delle lotte sociali. Lotte di cui sappiamo non esserne i soli depositari, i soli artefici ma spesso anche insieme con altre compagini impegnate nel conflitto di classe.

Così come anarchiche ed anarchici militanti nella Federazione Anarchica non rivendichiamo il monopolio dell’anarchismo ma altresì ne riconosciamo la forza e vitalità proprio nella sua eterogeneità di approcci, altrettanto rifiutiamo il tentativo di imporre “narrazioni tossiche” atte a stabilire purezze ideologiche in seno al movimento anarchico milanese e non solo.

Come compagne e compagni noi, anche per onorare la memoria di chi in quei giorni subì carcerazioni come Valpreda o addirittura torture e morte come Pinelli, continueremo ad essere presenti in tutti quei contesti dove la lotta al Capitale e allo Stato si esercita. Lo faremo con le nostre iniziative di controinformazione e dibattito nella sede dell’Ateneo Libertario e della Federazione Anarchica di Milano in viale Monza 255. Lo faremo con la nostra presenza attiva nei comitati e coordinamenti di lotta, nei sindacati di base e conflittuali e ovunque vi sia la possibilità di adoperarsi per un cambiamento in senso rivoluzionario e libertario della società. Perché per noi, essere parte della Storia e di una memoria condivisa lo si può essere solo se se ne è fatto parte direttamente, in prima persona e non magari attraverso l’anonimato o la schermatura di qualche profilo social da tastiera purtroppo così odiernamente in voga.

LE COMPAGNE E I COMPAGNI DELLA FEDERAZIONE ANARCHICA (F.A.I.) DI MILANO

(VIALE MONZA, 255 – MILANO)

Posted in Comunicati.


30 novembre 2019 – Convegno “BOMBE FINESTRE MANGANELLI, Piazza Fontana tra repressione e restaurazione sociale”

Posted in Comunicati.


23 Novembre 2019 EL PUEBLO UNIDO JAMAS SERA’ VENCIDO

Posted in Ateneo Libertario.


CONTRO IL SURRISCALDAMENTO CLIMATICO GLOBALE DISTRUGGI LO STATO E IL CAPITALE!!!

I cambiamenti climatici dovuti al surriscaldamento delle temperature globali, non è più solo una verità suffragata da dati scientifici ricavati in laboratorio, ma è realtà quotidiana per miliardi di esseri viventi (animali e vegetali) che popolano questo pianeta. Le cause di tutto ciò sono molteplici e complesse, ma sicuramente la causa principale è da addebitarsi soprattutto alla voracità distruttiva dell’economia capitalistica sostenuta, protetta e incentivata da Stati e Governi. In questa torrida estate 2019 purtroppo abbiamo assistito, dalle foreste amazzoniche a quelle siberiane, a immensi incendi per lo più ad opera di latifondisti terrieri, protetti dai governi e polizie locali, con il fine di creare nuove aree agricole e da allevamento da sfruttare con metodi intensivi e inquinanti. È bene ricordare che anche l’Italia è pienamente coinvolta in tutto questo: a titolo esemplificativo citiamo la famiglia e azienda Benetton possidente di oltre 900 mila ettari di terra in Argentina. Qui, per i propri interessi e profitti, scaccia le popolazioni native dai loro territori, ne devia il corso dei fiumi creando enormi disastri ambientali e soprattutto si rende artefice di azioni criminali, in totale regime di impunità e protezione governativa, contro il popolo Mapuche strenuo difensore dell’integrità ecologica di questi territori. E’ da molti decenni che produzione, distribuzione e consumo su vasta scala continuano la loro folle crescita. Si produce, si consuma e si scarta. Siamo ormai letteralmente sommersi da plastiche, da merci inutili e dannose che non solo arrecano danno agli ambienti naturali, ma incentivano condizioni di sfruttamento anche per chi, in mancanza di alternative, si trova costretto a lavorare all’interno di questo sistema criminale che si chiama capitalismo.

Non illudiamoci che chiedendo ai potenti di turno un cambiamento delle politiche sul clima si possa ottenere un qualche serio risultato. Chi detiene le leve del potere economico–politico sa benissimo quali disastri ha generato con certe scelte tecnologiche/produttive e di fronte alla febbre del profitto non si fermerà continuando nella sua lucida follia distruttiva. Anche la cosiddetta “Green Economy”, pienamente inserita in un contesto di sistema capitalistico, si è dimostrata solo un modo alternativo di fare nuovi profitti, ingenerando ulteriori discriminazioni di classe: se sei ricco puoi permetterti case e cibi cosiddetti biologici, se sei povero non ti rimane che vivere in case fatiscenti e alimentarti con cibo “spazzatura” a basso costo.

Come anarchiche ed anarchici, strenui difensori della libertà e della protezione integrale di ogni ambiente naturale, conosciamo bene l’ipocrisia che sta dietro ai proclami ufficiali di lotta ai cambiamenti climatici fatti da esponenti di istituzioni governative e non. E riteniamo anche un po’ “ingenuo” pensare che chi è creatore e sostenitore di quanto oggi siamo costretti a vivere sia anche la soluzione ai problemi da esso creati.

L’unica possibilità per una reale inversione di rotta è tornare sulla strada maestra della lotta. Una lotta sempre più di massa, popolare, finalmente libera dalle “sirene incantatrici” di soggetti politici istituzionali o filo-istituzionali che da sempre hanno convogliato tutte le lotte in un binario morto o comunque di recupero governativo. Esistono concreti esempi di lotta a cui far riferimento, prima fra tutte la ventennale lotta NO TAV così come altre piccole lotte che in certi casi hanno ottenuto gli obbiettivi che si erano prefissati. Lotte che vogliamo sempre più gestite dal basso, decise da comitati indipendenti da partiti o comitati loro affini. In cui la pratica dell’azione diretta e del consenso assembleare sia realmente espressione del volere popolare e non vacuo slogan da fantomatiche piattaforme cosiddette “social” ma a gestione e profitto privato…

Per tornare quindi tutt* protagonist* del nostro futuro, un futuro di libertà, di solidarietà, di mutuo appoggio e di integrale convivenza con tutto il pianeta.

FEDERAZIONE ANARCHICA – MILANO

(Viale Monza, 255 – Milano)

Posted in Comunicati.


C.P.R. = CENTRI PERSECUZIONE e RECLUSIONE

I decreti “sicurezza” voluti dal governo “Conte-Movimento 5 Stelle-Lega” rappresentano un preciso attacco rivolto non solo contro gli immigrati ma contro quanti lottano, oggi e nel futuro. Il governo “Conte-Movimento 5 Stelle–PD– LEU” pensa solo a piccoli ritocchi, mantenendo inalterata la loro impostazione. A quanti se ne stupiscono ricordiamo che con queste violente misure repressive si aggrava semplicemente ciò che è stato legiferato dai precedenti governi, quelli di centro sinistra targati P.D. che nel campo del lavoro si sono contraddistinti colpendo, di concerto con CGIL CISL UIL, il diritto di sciopero e i diritti sindacali, perfezionando poi con il Job Act la loro demolizione. Mentre sul piano della politica della casa nulla hanno fatto se non incrementare sgomberi e sfratti (e a Milano ne sappiamo qualcosa). Rispetto all’immigrazione i governi P.D. a partire dalla legge Turco-Napolitano (istitutrice della prima forma di campo di concentramento in Italia dalla fine della guerra, i CPT), non solo si sono ben guardati dal mettere mano alla legge Bossi-Fini, che incentiva il lavoro nero e precario, ma hanno vanificato l’acquisizione della cittadinanza ai figli dei cittadini immigrati, nati e cresciuti in Italia, rispolverandola solo ora in forme confuse e ambigue. Non solo: il decreto del ministro del P.D. Minniti ha dato inizio con il DASPO urbano all’ulteriore emarginazione dei poveri; ha promosso la criminalizzazione di quanti operano per la salvaguardia della vita (le Ong); ha preso accordi con le milizie libiche e i trafficanti di carne umana per l’apertura di autentici campi di concentramento ove torture, violenze sessuali e privazioni sono all’ordine del giorno; infine ha voluto la cancellazione del secondo grado d’appello per i richiedenti asilo e istituito i Centri di Permanenza per il Rimpatrio, dove si viene reclusi, privati anche di quei minimi diritti che spettano ai detenuti nelle carceri di Stato. Minniti ha sostanzialmente aperto la strada alle successive misure di Salvini, con l’abolizione del permesso umanitario che colpisce soprattutto le donne vittime di violenze sessuali.

Oggi il governo giallo-rosa pallido, con l’ampliamento del numero dei paesi considerati ‘sicuri’, riduce a quattro mesi il periodo per l’espletamento delle procedure di espulsione, rendendo più difficoltose le modalità di acquisizione degli elementi a sostegno del riconoscimento della condizione di rifugiato politico o di bisognoso di protezione umanitaria. I soggetti LGBTI a questo proposito si dimostrano i più vulnerabili perché tra i paesi considerati sicuri vi sono quelli che li criminalizzano, sottoponendoli a pesanti pene detentive.

Selezionare, accogliere o respingere gli immigrati sta alla base dell’azione del governo, e degli interessi del capitalismo, come conferma il mantenimento della differenza tra rifugiati politici ed esuli economici e il respingimento per quanti arrivano dai paesi considerati ‘sicuri’. Se si è ridotto il martellamento mediatico sull’invasione, frutto della demagogia securitaria di Salvini & C, i semi avvelenati della fabbrica della paura continuano a fecondare l’azione politica del governo.

In un mondo dove esiste la libera circolazione di capitali e di merci, dove fabbriche e aziende possono essere spostate a piacimento mettendo lavoratrici e lavoratori sulla strada, dove le grandi coltivazioni e l’acquisizione di terre mettono sul lastrico i contadini, dove i cambiamenti climatici e le guerre alimentate dagli appetiti imperialistici mettono in fuga intere popolazioni, dobbiamo rivendicare con forza la libera circolazione di ognuno senza condizioni che permetta a quant* sono sottopost* a queste privazioni di muoversi liberamente attraverso i confini, impegnandosi affinché le frontiere siano definitivamente abbattute con gli Stati che le hanno generate.

L’alternativa al sistema è possibile, e può venire solo dalla società, dai lavoratori e dalle lavoratrici e non dallo Stato.Unendosi tra sfruttati e oppressi, mettendo in luce il proprio protagonismo, con il metodo della discussione e della decisione per consenso, superando la vecchia pratica basata su maggioranze e minoranze, praticando l’autogestione nei momenti di vita sottratti al potere, praticando solidarietà, antiautoritarismo, antirazzismo e antisessismo, si potranno costruire movimenti di lotta non pilotabili da nessuno e così riprendere gli spazi di libertà sottrattici, e far si che anche la prospettiva di un mondo di libere ed eguali diventi cosa concreta.

FEDERAZIONE ANARCHICA – MILANO – viale Monza 255

Posted in Comunicati.


FERMIAMO IL GENOCIDIO DI ERDOGAN CONTRO I POPOLI DELLA SIRIA DEL NORD

Il feroce attacco militare del quarto esercito del mondo e delle sue milizie alleate appartenenti ad Al Qaeda è in corso. I massacri di civili si susseguono attraverso i bombardamenti e le esecuzioni sommarie, giungono immagini di persone ustionate dalle bombe al fosforo, centinaia di migliaia di abitanti delle molte città siriane a ridosso del confine turco, sono in fuga sotto i bombardamenti degli aerei e dei cannoni dell’esercito turco. Nelle zone occupate iniziano i saccheggi e la pulizia etnica mentre alle donne viene imposto il velo. Ritorna a farsi sentire anche l’ISIS sconfitto dalle Sirian Democratic Force nei mesi precedenti a costo di oltre 11.000 caduti, risveglio favorito dall’aviazione turca che ha bombardato, in modo mirato, le carceri provocando così l’evasione di migliaia di detenuti di quello che fu l’Esercito Islamico.

Gli scellerati accordi siglati tra i governi di Stati Uniti, Russia e Turchia sulla pelle dei popoli della Siria del nord, prevedono una spartizione del territorio in funzione degli interessi commerciali dei vari partner economici sponsorizzati dai diversi governi, accordi che sono principalmente mirati ad eliminare la sperimentazione e l’esempio dato dal processo autogestionario delle popolazioni di etnia curda chiamato Confederalismo Democratico. Un modello di autogestione sociale creatosi nel 2012 quando il vuoto di potere del governo siriano di Assad, causato dalla guerra civile, ha dato ai popoli del nord della Siria la possibilità di sperimentare delle forme di autogoverno dal basso.

Il ritiro militare dell’esercito a stelle e strisce ha lasciato mano libera al peggiore criminale di guerra del momento: il boia Erdogan, dittatore in patria e sponsor del terrorismo internazionale di ISIS ed Al Qaeda fuori dai confini, ma anche fedele alleato e partner economico dell’Europa e della N.A.T.O.

Nonostante l’eroica resistenza dimostrata dalle milizie curde combattenti nelle zone di confine, appare chiaro che è impossibile resistere a tale potenziale bellico e che per la sopravvivenza fisica i curdi siriani e gli altri popoli della Siria del nord sono costretti ad accettare accordi/capestro a loro imposti dal governo siriano di Assad, accordi che prevedono la fine dell’autonomia di governo e probabilmente anche delle conquiste ottenute con il processo rivoluzionario.

Se una tregua parziale ai massacri vi è stata, è soltanto merito della forte resistenza all’invasione incontrata dall’esercito turco e alla grande mobilitazione che si sta sviluppando in tutto il mondo. Milioni di persone dimostrano la loro solidarietà manifestando in ogni luogo del pianeta.

Come anarchic* pensiamo che se anche domani la rivoluzione in corso nel territorio denominato Rojava sarà militarmente sconfitta, tale esempio rimarrà sempre vivo nella storia e nella memoria dei popoli del mondo come esempio per iniziare un processo rivoluzionario atto alla costruzione di una società più giusta e più libera.

Oggi non dobbiamo lasciare soli i partigiani che hanno combattuto e difeso l’umanità dalla barbarie islamico-fascista. Ricordando il nostro compagno anarchico Lorenzo Orsetti caduto combattendo, ribadiamo che la loro lotta è anche la nostra lotta. Cominciamo da oggi, e ovunque ve ne sia possibilità, a boicottare merci ed interessi turchi e di chiunque sostenga il governo criminale e assassino di Erdogan.

Tutt* in piazza al corteo del 26 Ottobre alle ore 14.00 partenza da via Palestro

Partecipa allo spezzone anarchico e libertario

Federazione Anarchica – Milano

(Viale Monza 255)

https://federazione-anarchica-milanese-fai.noblogs.org/

Posted in Comunicati.